Aprire una società nel Regno Unito è relativamente semplice e poco oneroso grazie ad un sistema burocratico snello e a minor
peso fiscale. La procedura, inoltre, non richiede necessariamente l’intervento diretto di un notaio o di un commercialista poiché può essere svolta online. Esistono 3 tipologie di società in UK: Private Limited Company (LTD), Limited Liability Partnership (LLP), Public Limited Company (PLC).

La LTD è la tipologia societaria più utilizzata ed equivale ad una srl italiana. Essa deve essere necessariamente registrata nella Company House (registro imprese italiano) indicando:

  • company name;
  • business address in UK;
  • uno o più director (persona fisica di almeno 16 anni);
  • uno o più soci con relative quote e senza obbligo di residenza in UK;
  • atto costitutivo e statuto (memorandum and articles of association);
  • dal 6 aprile 2008 non è obbligatoria la nomina di un company secretary; la stessa persona fisica può operare come unico socio e unico amministratore.

Una volta registrata la società, l’HMRC (corrispondente alla Agenzia delle Entrate italiana) emette un “certificato di  costituzione” a conferma della esistenza della società da un punto di vista giuridico e contenente il numero di registrazione della società (il nostro  codice fiscale) e la data di creazione. A questo punto è necessario comunicare all’HMRC i dati societari in modo da essere registrati al sistema fiscale UK. Infine prima di superare le 85 mila sterline di fatturato annui, la società deve registrarsi al regime VAT (IVA italiana).

Gli utili al di sotto di 300 mila sterline sono soggetti ad un’aliquota del 20%, mentre per quelli eccedenti questa soglia fino a
1.500.000 sterline viene applicata un’imposta progressiva a scaglioni. La LTD richiede un capitale sociale minimo da versare di 1 sterlina, senza alcun obbligo di iscrizione presso la Camera di Commercio. Inoltre in UK l’anonimato nelle società è legale al fine di proteggere la privacy. Le LTD sono tassate in base ai redditi, l’imposizione è annuale e l’esercizio va dall’1 aprile al 31 marzo. Una LTD viene definita come small company se risponde almeno a due dei tre requisiti previsti per legge: giro d’affari annuale inferiore a 6.5 milioni di sterline,  totale di bilancio inferiore a 3.26 milioni di sterline, meno di 50 dipendenti.

L’altra forma societaria, la LLP, offre flessibilità organizzativa ed è molto utilizzata da associazioni di professionisti. La responsabilità è limitata e la società è riconosciuta come entità legale separata dai membri che la compongono, il patrimonio dei soci è separato da quello della società e ogni socio è tassato per la propria quota di profitto. Per aprire una LLP sono necessari almeno due soci persone fisiche o giuridiche con sede legale o residenza anche fuori da UK) tra cui sono ripartiti i ricavi proporzionalmente salvo diverso accordo.

Lo statuto è segreto, la tenuta delle scritture contabili obbligatoria e non è richiesto un capitale minimo. La PLC è una forma societaria paragonabile ad una spa italiana e richiede almeno due direttori e un company secretary. Il capitale sociale minimo è di 50 mila sterline sottoscritto almeno da due persone; i soci alla registrazione devono versare almeno il 25% del valore nominale della quota posseduta. I titoli sono negoziati in borsa e conti e fatturato devono essere pubblici.