Il Made in Italy, soprattutto per gli stranieri, è un concetto che incontra il desiderio per un gusto autentico e raffinato che conferma l’idea radicata nell’immaginario degli stranieri, per cui l’Italia rappresenta la terra della bellezza, della cultura, dell’architettura e della sensibilità artistica dal gusto fine e ricercato. Burberry, Céline, Louboutin, Ray Ban, Stella McCartney sono alcuni esempi dei più grandi e importanti brand a livello globale che
scelgono di produrre nel nostro territorio. Le motivazioni non sono certamente legate a un minor costo di
manifattura poiché, come ben sappiamo, in Italia siamo sottoposti ad una macchina burocratica ingombrante che frena lo slancio delle imprese che vogliono lavorare sul territorio, unita ad una tassazione piuttosto elevata (motivo per cui molti brand italiani decidono invece di spostare la propria manifattura verso Paesi da
questo punto di vista più economici).

Sempre più brand stranieri decidono di investire nei nostri laboratori artigiani, sfidando il mercato globale, affascinati dalla preziosità della manifattura del nostro territorio: l’Italia è infatti ancora uno dei pochi Paesi con la vocazione all’eccellenza del fatto a mano. Per fortuna c’è ancora qualcuno sul mercato globale che fa  ella qualità di un prodotto una prerogativa sine qua non, preferendo produrre meno ma bene, mantenendo viva l’importanza della tradizione dell’artigianato italiano di qualità che ancora oggi si può identificare con le geografie locali come quella famosa del vetro veneziano, del velluto da tappezzeria genovese fatto a mano, della concia delle pelli toscana e dell’alta sartoria napoletana.

Bisogna dunque oggi più cha mai far conoscere al mondo queste realtà, proteggendo, salvaguardando e incentivando l’industria della moda italiana come uno dei nostri beni più preziosi. L’artigianato, ricchezza dell’Italia, deve diventare sistema di innovazione attraverso una trasformazione della mentalità e della cultura; e questo gli stranieri lo hanno capito bene, perché si sa, se vuoi essere tra i migliori, devi “giocare” con i migliori.